viernes, 18 de agosto de 2017




BATIDO O LICUADO PARA TRATAR LA MENOPAUSIA




CAMILLE FATTE IN CASA, UNA MERENDA SANA PER I NOSTRI BAMBINI.

Chi non conosce le camille?
Sin da piccoli le camille, erano le famose merendine soffici alle carote e arance che le nostre mamme ci davano a colazione o alla merenda come premio.

Preparare le camille in casa è sicuramente un buon pretesto per regalare ai nostri bambini una merenda sana, fatta con ingredienti nutrienti sicuramente maggiori delle merendine consumate quando noi eravamo bambini.

Questa è la ricetta vegan di un dolce leggero e sano che piace a grandi e piccini.

Tempo di preparazione 30 minuti

Ingredienti Per 8 camille
250 gr. di farina integrale
150 ml di succo di carota
150 ml di succo di arancia
30 gr. di farina di mandorle
120 gr.di zucchero di canna
90 gr. di olio di semi di girasole
1 cucchiaio di farina di semi di lino
½ bustina di lievito per dolci

Se abbiamo l’estrattore di succo o la centrifuga, prendiamo 1 carota e 2 arance e facciamo il succo di frutta, altrimenti possiamo acquistare il succo alla carota, trovabile in commercio oppure grattugiare la carota.

Mescoliamo la farina con tutti gli ingredienti solidi, aggiungiamo l’olio e con una frusta amalgamiamo bene gli ingredienti. Aggiungiamo il succo di carote e arancia, uniamo il lievito, e versiamo nelle formine monouso. Inforniamo a forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti, facciamo la prova dello stuzzicadenti e serviamo dopo 5 minuti.

Le nostre merendine si conserveranno morbide per molti giorni, e per i nostri bambini sono ideali anche da portare a scuola per la merenda.

FONTE: di Antonella Tomassini
http://ilvegano.it/camille-fatte-casa-merenda-sana-nostri-bambini/



USOS DEL VINAGRE EN LA HUERTA Y EL JARDÍN

Algunos de los ingredientes que usamos para cocinar de forma cotidiana, o incluso que descartamos en la cocina, como el agua del arroz, pueden tener otros usos que es bueno conocer.

El vinagre es uno de ellos: en su variedad de manzana, por ejemplo, tiene nutrientes como vitaminas, A y B, ácidos grasos esenciales, sales minerales, muchas enzimas, pectina, y minerales tales como fósforo, taninos, calcio, potasio, magnesio, azufre, sodio, cinc, hierro, flúor, silicio y boro, que no solo pueden incorporarse en la alimentación, sino que también pueden tener otros usos.

El vinagre de manzana tiene algunos interesantes beneficios cosméticos que puede interesarte conocer. También puedes aprender cómo utilizar vinagre para limpiar tu casa sin químicos, o para otros 18 fines tan sorprendentes como aflojar el óxido de tus herramientas.

A continuación podrás conocer cómo utilizarlo en el jardín y la huerta, para mejorar con este ingrediente económico y fácil de conseguir el crecimiento de tus plantas.

Ahuyenta insectos y animales
Mezclando una taza de agua, 1/2 de vinagre de manzana y 1/4 de taza de azúcar en una lata o botella, puedes hacer una trampa para moscas: si la cuelgas de un árbol, se divertirán con ella y dejarán la fruta en paz.

Por otra parte, los gatos, conejos, mapaches y hasta los ciervos odian el olor del vinagre. Por eso, si distribuyes algunos trozos de algodón embebidos en vinagre blanco en el huerto o jardín mantendrás a todo tipo de animales lejos y de forma segura.

Aporta más hierro al suelo
Agregando una taza de vinagre de manzana cada tres litros del agua que utilizas para regar, se puede aumentar el hierro en el suelo. Esto no es recomendable para todas las plantas, sino para las que gustan de un suelo ácido, como las rosas, los arándanos y la lavanda.

Contrarresta la cal del agua
Si tienes que regar con agua "dura", agregar una taza de vinagre de manzana cada tres litros contrarresta su contenido de cal. Ésta es también una forma de purificar el agua que utilizas en el riego.

Evita los hongos
Si reutilizas semilleros o macetas, puedes esterilizarlos de la presencia de hongos rociando un poco de vinagre blanco sobre ellos. Así, protegerás a las delicadas plantas bebé que pondrás en ellos.

También puedes limpiar con vinagre los cuchillos o tijeras que utilizarás para podar o cortar esquejes, y prevenir que los hongos las afecten.

Puede usarse como herbicida
Simplemente rocía vinagre sobre las malas hierbas para que desaparescan, pero ten cuidado de no quemar también las plantas que quieres conservar.

Aleja babosas y caracoles
Rocía las plantas que estos animales se comen con un poco de vinagre sin diluir (ten cuidado, solo hazlo si son plantas robustas que crees que no van a marchitarse por el ácido) para deshacerte de estas plagas. Prueba antes en algunas hojas para asegurarte de que no se dañan.

FUENTES: Laura Vidal http://www.labioguia.com/notas/usos-del-vinagre-en-la-huerta-y-el-jardin
Ecocosas
Mejor Con Salud



COME PREPARARE UN'ECCELLENTE CREMA ANTI-RUGHE NATURALE

Preparare una crema anti-rughe a casa ci offre molti benefici. Il più importante è senza dubbio quello di poter contare con le proprietà benefiche di ingredienti naturali, non esponendo la pelle all’uso di sostanze chimiche. Preparando una crema anti-rughe naturale, inoltre, si possono risparmiare molti soldi.
Con la ricetta che ti suggeriamo di seguito è possibile preparare un’ottima crema che può bloccare gli effetti dell’invevcchiamento della pelle. Gli ingredienti sono tutti naturali e facili da reperire.

Ingredienti della crema anti-rughe
un pugno di fiori di calendola secchi
20 ml di olio di calendola
20 grammi di cera d’api
40 ml di olio di mandorle
2 cucchiaini di succo di limone
mezzo cucchiaino di olio essenziale di Encelia farinosa (lo trovi in erboristeria)
mezzo cucchiaino di olio essenziale di limone
Avrai bisogno anche di una brocca di misurazione, un colino, un cucchiaio di legno e dei barattoli di vetro con tappo.

Prepara un infuso con i fiori di calendola e 300 ml d’acqua. Nel frattempo fai sciogliere la cera d’api in un pentolino, poi aggiungi l’olio di calendola e di mandorla, e mescola bene con un cucchiaio di legno.

Aggiungi quindi 2 cucchiai di infuso di calendola e il succo di limone, continuando a mescolare.

Rimuovi il pentolino dal fornello e continua a mescolare fino a raggiungere una temperatura ambiente. Aggiungi gli oli essenziali di limone ed Encelia farinosa e continua a mescolare.

Versa la crema in barattoli di vetro, e agita fino a far raffreddare. Conserva in un luogo non esposto al sole.

Applica la crema prima di andare a dormire e dopo aver lavato bene il viso, effettuando dei massaggi in tutte le aree coperte da rughe.

Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

FONTE: http://www.rimedio-naturale.it/come-preparare-uneccellente-crema-anti-rughe-naturale.html



10 INGREDIENTES TÓXICOS DE LA INDUSTRIA ALIMENTARIA HUMANA

La industria alimentaria está librando una guerra en tus células con estos 10 ingredientes tóxicos.

Conservantes y agentes sintéticos que se encuentran en los alimentos inhiben el oxígeno y retrasan el desarrollo de hongos y moho, sirven para la creación de una mayor vida útil de los productos, sin embargo, después de haber sido consumidos, estas toxinas privan a los humanos de oxigeno en las células y le roban los nutrientes, lo que conduce a la mutación de las células y el caldo de cultivo perfecto para el cáncer. Al igual que los seres humanos, las células necesitan oxígeno para sobrevivir y prosperar.

Más vida útil del alimento, más corta la vida humana.
Si no te dedicas a leer este tipo de artículos, es hora de que comiences. La mayoría de las toxinas de los alimentos son seguidos por una frase, a menudo entre paréntesis, para hacer que suenen "seguros"como por ejemplo: "para prevenir", o "la frescura añadida," o "para conservar el sabor." Estas pequeñas frases pegadizas realmente significan: para la asfixiar tus células y ayudar con el desarrollo del cáncer .

Los 10 ingredientes tóxicos revelados.
Los Estados Unidos tiene varias agencias de los principales reguladores y de prevención del cáncer... organizaciones que no sólo han sido la supresión de curas naturales para el cáncer, sino que han sido la aprobación, el apoyo, para sacar provecho de agentes causantes de cáncer en alimentos, bebidas y cosméticos, desde la Segunda Guerra Mundial.

1 Benzoato de sodio :
Este asesino sigiloso se encuentra en casi todo los frascos y botellas , como aderezo para ensaladas, encurtidos, salsas, mayonesa, casi todas las bebidas gaseosas y jugos, e incluso en los alimentos etiquetados como "naturales".

2. El aceite de canola :
Este artificial es súper popular y se encuentra en más del 30% de todos los productos. Ahoga las células mitocondriales. El aceite de canola es realmente el aceite de colza y puede causar enfisema y la dificultad respiratoria, llevando eventualmente al cáncer.

3. El glutamato monosódico (MSG):
La FDA permite 20 "pseudo" nombres para él, incluyendo extracto de levadura, glutamato libre, ácido glutámico, lecitina de soja , caseinato de calcio, maíz hidrolizado, proteína de soja hidrolizada, y maltodextrina para nombrar unos pocos. El hecho de que un producto dice "No MSG" no significa que no está allí!

4. Nitrato de sodio (nitrosaminas):
Se usa para fertilizantes y explosivos, y como solvente en la industria de la limpieza en seco. Este ingrediente mantiene las moléculas de hemoglobina en la sangre para llevar oxígeno a los tejidos de tu cuerpo. Se considera una "sal super" (como el glutamato monosódico) que se añade a las cosas como las salchichas, embutidos y tocino para aumentar la vida útil, color y sabor.

5. Margarina :
El cuerpo no puede incorporar los ácidos grasos trans en las membranas, lo que provoca deformaciones celulares estructuras. Manteca vegetal y aceites vegetales parcialmente hidrogenados aceleran el envejecimiento y los cambios degenerativos en los tejidos.

6. Antiespumantes :
(Dimetilpolisiloxano) Es un producto químico industrial utilizado en impermeabilizantes y selladores. Este componente se utiliza sobre todo en la comida rápida nuggets de pollo y los huevos. También esté atento a TBHQ, un derivado del petróleo, que se utiliza como estabilizador en perfumes, resinas, barnices y productos químicos del petróleo sobre el terreno y vinculados a los tumores de estómago y daños en el ADN .

7 Antiaglomerantes :
Productos químicos que absorben la humedad. Estos se añaden a la sal de mesa y productos en polvo de los alimentos. Ellos a menudo están compuestos de fosfato, carbonato, silicato y óxido de compuestos que contienen aluminio. Reloj de alumino-silicato de sodio, silicato de aluminio-calcio y silicato de aluminio. El aluminio está vinculado a la enfermedad de Alzheimer y también se utiliza en la vacuna contra la gripe.

8. Colorantes artificiales :
Petroquímicos sintéticos derivados del petróleo, anticongelante y amoniaco. causante de los tumores renales en ratones. en el cerebro y los tumores de vejiga en ratas. Causa el cáncer de tiroides en los animales, y está prohibido en productos cosméticos, pero todavía se permite en los alimentos. Debilita el sistema inmune. Causa los tumores de vejiga y los testículos. Causa tumores suprarrenales en los animales.

9. Emulsionantes :
Carragenina, polisorbato 80 y el aceite vegetal bromado (BVO). Normalmente se encuentra en la leche de chocolate, queso cottage, el helado, los preparados para lactantes y la jalea. El BVO permanece en la grasa corporal desde hace años. El Polisorbato 80 también se encuentra en la mayoría de las vacunas.

10. Edulcorantes artificiales :
Aspartamo, acesulfame K, sucralosa, sorbitol, Truvia, y por supuesto, sacarina. Debido a su sabor dulce, estos edulcorantes químicos trampeanel cuerpo en la ingestión de ellos y produce adicción por largos periodos de tiempo, volviéndose rancios en la grasa corporal. Azúcares falsos son los "caballos de Troya" asfixiando las células y causando estragos gigantescos, por parte de los agentes de la industria de los alimentos. El sorbitol se encuentra también en muchas vacunas.

Fuente: http://rescatatusalud.blogspot.mx/2012/12/10-ingredientes-toxicos-de-la-industria.html
http://www.naturalnews.com/



L’ASPARTAME PRESENTE NEI PRODOTTI "LIGHT" É CANCEROGENO, LO RIVELA UNO STUDIO ITALIANO

L’aspartame un dolcificante chimico utilizzato ogni giorno da 200 milioni di persone nel mondo e presente in tutti i prodotti industriali “light”.

Oggi il leader mondiale per la produzione di aspartame è la Ajinomoto, colosso giapponese presente in cento Paesi del mondo con quasi 25 mila impiegati. Tra l’altro produce anche un terzo di tutto il glutammato monosodico prodotto nel mondo, oltre a produrre anche oli da cottura, generi alimentari e prodotti farmaceutici.

Nel novembre 2009 l’aspartame è stato anche rinominato AminoSweet dall’azienda Ajinomoto, per confondere i consumatori.

Ma come nasce l’aspartame?
Nel 1960 uno dei chimici appartenente a una società farmaceutica statunitense fondata nel 1885 di nome G.D.Searle & Company, crea per errore l’aspartame durante il tentativo di creare una cura contro le ulcere dello stomaco.

Inizialmente il prodotto viene testato e approvato dalla FDA, ma poco dopo si verficano gravi effetti sulla salute e viene sottoposto a ulteriori verifiche di controllo e bandito dalla FDA.

La G.D.Searle & Company era la società quindi che deteneva il brevetto dell’ aspartame, società che nel 1985 è stata acquisita dalla Monsanto e ora fa parte di Pfizer (la più grande società del mondo operante nel settore della ricerca, della produzione e della commercializzazione di farmaci).

La storia inquietante sull’aspartame
Uno studio effettuato dalla Fondazione Europea di Oncologia e Scienze Ambientali dell’ Istituto Ramazzini ha dimostrato che l’aspartame, uno dei prodotti più utilizzati come dolcificanti è una tossina mortale.

Confermando così alcuni studi presentati 25 anni fa alla FDA (Food Drug Administration), questi antichi studi documentavano già allora tumori al cervello, ovaie, utero, testicoli, mammelle, pancreas e tiroide.

In base a tali prove a suo tempo la FDA ne aveva negato l’utilizzo per sedici anni. Così Don Rumsfeld, che era il CEO della casa produttrice G.D. Searle & Company, si recò a Washington per essere eletto Segretario della Difesa del governo Reagan.

Così il Commissario FDA di allora che aveva negato l’utilizzo dell’ aspartame venne licenziato, e l’aspartame fu approvato da Arthur Hull Hayes nominato dal Presidente Reagan, nonostante le obiezioni della FDA.

Il Presidente Reagan emanò un ordine contro la FDA e nomino Hayes a capo della FDA, in maniera tale da limitare i poteri della FDA che non potè fare nulla contro l’aspartame nonostante sapeva che fosse tossico e che l’approvazione di questa sostanza cancerogena mortale significasse morte e disabilità per milioni di persone.

Nel maggio del 2006 l’EFSA (L’ Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) aveva espresso il suo parere sull’ aspartame affermando che a dosi normalmente assunte non fosse tossico.

Ma dopo le dichiarazioni dell’EFSA, la Fondazione europea di oncologia e scienze ambientali dell’ Istituto Ramazzini rilancia in maniera anche pesante contro l’EFSA.

QUI trovate la risposta dell’ Istituto Ramazzini alle dichiarazioni dell’EFSA.

Lo studio italiano che incrimina l’aspartame
La Fondazione europea di oncologia e scienze ambientali dell’ Istituto Ramazzini è un’istituzione no-profit orientata alla difesa della salute e dell’ambiente e delle sue risorse, fondato nel 1987, l ‘Istituto Ramazzini è una cooperativa sociale (ONLUS) con oltre 17.000 soci.

L’Istituto Ramazzini si avvale della collaborazione del Collegium Ramazzini, un consesso Accademico Internazionale di 180 membri scelti fra i maggiori esperti su tumori e sulle malattie ambientali, con sede a New York.

Già nel 2005 l’istituto di ricerca bolognese diretto dal Dr Morando Soffritti aveva lanciato i primi allarmi, che poi successivamente sono stati confermati, l’ aspartame è un agente cancerogeno multipotente.

Un primo studio durato circa tre anni su 1800 ratti maschi e femmine divisi per gruppi a cui è stata somministrata l’aspartame (in dosi diverse, a partire da zero), dall’ottava settimana di vita alla morte, aveva messo in evidenza come l’ assunzione di aspartame avrebbe portato alla formazione di linfomi e leucemie nelle femmine.

Lo studio fu revisionato dall’EFSA, ma la dose giornaliera massima rimase di 40 milligrammi al giorno per chilo di peso corporeo.

Successivamente lo studio venne revisionato sempre dall’istituto Ramazzini dove le cavie utilizzate questa volta sono state esaminate non dall’ottava settimana di vita, ma dal dodicesimo giorno di gestazione, quando cioè l’ aspartame veniva somministrata alle madri.

I ratti sia maschi che femmine sono stati divisi in tre gruppi a cui è stata somministrata una dose diversa a partire da 0 mg per il gruppo di controllo.

Gli altri due gruppi ne hanno ricevuto: 20 mg per chilo di peso corporeo (la metà consigliata dall’ EFSA) e 100 mg (più del doppio della dose consigliata dall’ EFSA).

I risultati sono stati ancora più eclatanti rispetto allo studio precedente, infatti i tumori si sono manifestati prima, proprio per il fatto che l’ aspartame è stato fatto assumere in età prenatale. L’incidenza di tumori è quasi raddoppiata nei ratti maschi (dal 9,5 al 15,7 per cento) anche alla dose bassa di 20 mg per kg di peso corporeo ed è aumentata anche nei ratti femmina (dal 12,6 al 17,1) per arrivare al 31,4% nel terzo gruppo (dose da 100 mg).

Gli studiosi hanno constatato anche un aumento di carcinomi alla mammella nelle femmine, questo dimostra che durante la vita fetale gli effetti dell’aspartame sono ancora maggiori

Le linee guida sull’alimentazione già sconsigliano di assumere l’aspartame in gravidanza e sotto i tre anni di età, ma nessuna norma rende obbligatorio questa avvertenza sui circa seimila prodotti in commercio che contengono aspartame.

Questo studio è stato pubblicato sia online che in formato cartaceo dall “Enviromental Health Perspective” il giornale dell’Istituto nazionale di Scienze ambientali americano, la più famosa e la più letta rivista del settore, presente in oltre 190 paesi.

Gli studi dell’ Istituto Ramazzini hanno fatto il giro del mondo. Tra gli altri ne hanno parlato il New York Times, L’International Herald Tribune”, il New Scientist, il “Guardian”.

Il Dr Soffritti direttore scientifico dell’ Istituto e che ha guidato questo studio è stato premiato a New York al Mount Sinai Medicai School per i suoi eccellenti contributi nel scoprire agenti cancerogeni industriali ed ambientali, e per la sua promozione di ricerche scientifiche indipendenti.

Il Dr Soffritti afferma:
“Questo nuovo studio è stato avviato alla luce dei risultati precedenti, che già dimostravano un rischio cancerogeno con dosi relativamente basse di aspartame. L’obiettivo era quello di quantificare meglio il rischio, iniziando il trattamento durante la vita fetale. A questo punto non si tratta più di mettere in discussione se l’aspartame abbia effetti cancerogeni, ma di quantificarne il rischio”. “

Gli studi del Dr Soffritti sono stati pubblicati anche su PubMed e li trovate QUI.

La risposta del comitato scientifico dell’ EFSA a questo studio è stata che secondo loro:
“…I linfomi e le leucemie nei ratti femmina presi in esame, sono dovuti per lo più a una predisposizione degli animali partecipanti allo studio. Naturalmente, avvertono le autorità, la decisione non è un incitamento a consumare la sostanza…”

QUI trovate la risposta dell’ EFSA allo studio dell’ Istituto Ramazzini.

Pareri di esperti internazionali sullo studio italiano
Il neurochirurgo Dr. Russell Blaylock ha così commentato lo studio:
“La ricerca pubblicata sull’European Journal di Oncologia da Morando Soffritti e collaboratori dovrebbe suscitare sgomento nelle mamme ed in tutte le persone che fanno uso di prodotti con aspartame. Questo studio è stato condotto con attenzione, e dimostra chiaramente un incremento statisticamente rilevante in svariati tipi di linfomi e leucemie nei topi. Entrambe queste patologie sono cresciute significativamente da quando si è diffuso su vasta scala l’uso dell’aspartame”.

L’aspartame inoltre afferma è una sostanza carcinogenica neurotossica e aumenta anche l’obesità e la sindrome metabolica, aspartame presente in tutti quei prodotti “light” senza zucchero.

Il Dr. Blaylock è autore di Excitotoxins: The Taste That Kills con lo scopo di fare prevenzione e salvare i bambini dall’uso di prodotti contenenti aspartame, Report che viene diffuso nelle scuole.

Il Dr Blaylock evidenzia anche il fatto che le dosi usate in questi studi sono simili a quelle che consumiamo quotidianamente, e che un prodotto del genere dovrebbe essere ritirato dal mercato.

FONTE: http://nutrizioneconsapevole.altervista.org/aspartame-cancerogeno/